TRATTAMENTI SBIANCANTI DAL DENTISTA

Listopad 28th, 2014

La scheda informativa: Denti bianchi: come riscoprire un sorriso ancora piú bianco.
Se si desidera sbiancare o rendere piú brillanti i denti in maniera veloce, il dentista potrebbe essere la soluzione vincente.

TUTTI POSSONO TROVARE BENEFICIO DALLO SBIANCAMENTO DENTALE?
Solo il dentista puó determinare se un proprio paziente puó trarre beneficio dal trattamento sbiancante. Dopo aver appurato la fattibilitá, il dentista inizierà con una rimozione del tartaro.
Alcune situazioni richiedono molta attenzione. Le seguenti tipologie di persone non sono adatte a questo tipo di trattamento:
• Bambini con etá inferiore ai 16 anni.
• Donne in gravidanza o in allattamento, ma solo a titolo precauzionale.
• Persone con denti o gengive molto sensibili.
• Pazienti allergici al perossido d’idrogeno.
• Persone affette da gengivite, parodontite o carie ad uno stato avanzato.
• Persone con otturazioni, corone o faccette, dato che non possono essere sbiancati.

TRATTAMENTI SBIANCANTI PRESSO LO STUDIO DENTISTICO.
Le sessioni tenute nello studio dentistico, saranno effettuate dal dentista stesso, e consistono nell’alleggerimento della macchia tramite una soluzione a base di perossido d’idrogeno, fotoattivata da una lampada ad alta energia posta a diretto contatto con i denti.
Grazie allo sviluppo di queste tecniche, le sessioni si sono notevolmente accorciate, e durano dai 30 ai 90 minuti, con risultati immediati.

TRATTAMENTI SBIANCANTI IN STUDIO E DOMICILIARI.
Il dentista potrebbe anche suggerire un trattamento sbiancante da effettuare a casa. Questo metodo unisce un trattamento sbiancante domiciliare a controlli sistematici in studio. Il processo si attua in tre fasi:
1. Durante la visita il dentista prenderá l’impronta superiore ed inferiore dei denti, per poter produrre due mascherine dove verrá inserito un gel sbiancante.
2. Le mascherine vengono provate sotto la supervisione del dentista. A seconda della concentrazione del prodotto, la mascherina puó essere utilizzata di notte o durante il giorno. Sará il dentista stesso a stabilire la durata delle singole sessioni, la frequenza e la modalità d’uso.
3. Dopo una settimana il dentista controllerá il risultato, e deciderá se prolungare o no il trattamento.

http://www.listerine.it/consigli/carie/trattamenti-denti-bianchi

CLINICA DENTALE A FIUME

Listopad 20th, 2014

L’unione delle competenze è la forza della nostra Clinica. La nostra struttura offre l’importante vantaggio di concentrare in un unico ambiente un servizio completo e moderno in tutti i settori dell’odontoiatria contemporanea: dalla diagnosi alle cure, nessun spostamento, riduzione dei tempi di cura, meno spese….e più tempo per sorridere!
L’approccio multidisciplinare offerto spinge alla costante ricerca e selezione di partner-professionisti attivi nelle varie discipline scientifiche, mediche e paramediche: persone che, pur nelle differenze di specialistica, hanno la stessa mentalità della nostra clinica. 

 

IN CROAZIA I DENTISTI SI PRENDONO CURA DI VOSTRI DENTI!

RISCOPRI  LA FELICITA’ DEL TUO SORRISO !

CHIAMA ORA!       TEL: 348.45.40.140

DENTI SCHEGGIATI

Listopad 10th, 2014

Denti scheggiati: cause
I denti scheggiati riconoscono nelle cadute accidentali a terra il principale agente causale. Similmente, un dente si può scheggiare sgranocchiando cibi croccanti e duri come frutta secca,torrone, ghiaccio o quant’altro. Non è raro notare uno o più denti scheggiati nei sorrisi dei bambini: i giochi all’aperto, come altalene, scivoli e rincorse, sono infatti i nemici più pericolosi per l’incolumità strutturale del dente; comunque si sa, i denti dei bambini sono fragili, dunque predisposti alla rottura: talvolta, è sufficiente anche un lieve trauma alla bocca (come rosicchiare l’estremità di una penna…) per scheggiare e rovinare un dente. Quando si diventa un po’ più grandi, invece, il pericolo-altalene per i denti viene sostituito dal pericolo-sport. Difatti, alcune pratiche sportive che prevedono una certa “violenza” – come rugby,pugilato, kick-boxing e hockey – mettono a serio rischio l’estetica del sorriso di chi le pratica, in quanto le probabilità di scheggiare o rompere un dente sono piuttosto elevate.
Proprio come i bambini, anche gli anziani corrono un rischio più elevato di scheggiare un dente. Durante la senescenza, i denti diventano più fragili, dunque soggetti alla rottura. Per questa ragione, i denti degli anziani possono scheggiarsi più facilmente masticando un alimento croccante o troppo duro.
Da ultimo, ma non certo per importanza, l’urto prodotto da violenti incidenti in auto, in moto o in bici può danneggiare e scheggiare anche i denti più sani, indipendentemente dall’età del malcapitato.
Sintomi e conseguenze
Oltre a rovinare l’armonia del sorriso, un dente scheggiato può esser motivo d’imbarazzo e vergogna nelle relazioni sociali (soprattutto se il dente danneggiato – come spesso accade – è proprio un incisivo). Per non parlare, poi, del dolore e del (possibile) shock che può scaturire da un trauma alla bocca. In molti soggetti, la visione (e la consapevolezza) di un dente scheggiato in bocca può causare un crollo dell’autostima.
Fortunatamente, la moderna odontoiatria estetica può rimediare al danno dentale, correggendo o mascherando perfettamente la scheggiatura: in questo modo, la lesione subita dal dente viene resa pressoché invisibile.
Chiaramente, quando il dente scheggiato è un dente da latte, non è necessario ricorrere ad un intervento odontoiatrico-estetico perché questo cadrà spontaneamente per essere successivamente sostituito da un dente permanente.
Cosa fare
La prima accortezza da fare quando si scheggia un dente è mettere del ghiaccio esternamente alla bocca (in corrispondenza del danno subìto). La crioterapia (terapia del freddo) costituisce infatti un utile rimedio per ridurre il mal di denti ed attenuare il gonfiore. Se possibile, avvolgere il ghiaccio in un panno morbido per evitare eventuali scottature da freddo.
Appena possibile, si raccomanda di contattare il proprio dentista di fiducia, per prenotare quanto prima una visita specialistica che verifichi l’entità del danno subito. Non dimentichiamo, infatti, che una scheggiatura profonda del dente aumenta il rischio d’infezione, che può progressivamente portare alla caduta del dente.
Se il dolore è persistente, è consigliato assumere farmaci antidolorifici come paracetamolo,naprossene o ibuprofene.

Non somministrare acido acetilsalicilico ai bambini di età inferiore ai 12 anni: un simile atteggiamento può provocare gravi effetti collaterali, quali sindrome di Reye, disfunzioni epatiche ed alterazioni cerebrali.

Nel caso la scheggiatura del dente abbia dato origine ad un bordo particolarmente tagliente, si consiglia di coprirne la superficie con un pezzetto di paraffina o di cera. Se non disponibili, è possibile applicare temporaneamente sul dente scheggiato una chewingum senza zuccheroper evitare di tagliare la lingua o l’interno del labbro.
Denti scheggiati

Intervento dentistico
La riparazione di un dente scheggiato dipende essenzialmente dalla gravità della lesione subita e dal tipo di dente coinvolto nel danno.
Un dente scheggiato solo superficialmente può essere sistemato in un’unica seduta dal dentista, relativamente poco dispendiosa. Generalmente, quando il dente scheggiato in superficie è un dentino da latte, non sempre è necessario intervenire, essendo questo destinato alla fisiologica caduta e sostituzione. Tuttavia, se la scheggiatura ha provocato un danno considerevole e il dentino risulta, per esempio, particolarmente appuntito, è possibile levigare ed arrotondare la superficie dello stesso.
Un danno più grave, invece, che coinvolge anche la radice del dente, può richiedere tempi più lunghi e costi più elevati. Una radiografia aiuta spesso a definire la gravità del trauma.
Vediamo quali sono i possibili interventi odontoiatrici eseguibile per sistemare un dente scheggiato:
1. Arrotondamento della scheggiatura, intervento indicato per le lesioni superficiali del dente
2. Legame dentale o sigillatura del dente (procedura odontoiatrica detta Bonding): per rimediare a denti scheggiati, la tecnica Bonding prevede l’applicazione di una resina speciale direttamente sul dente. Questa sostanza, irradiata con luce ultravioletta, aderisce perfettamente al dente e ripristina la sua naturale struttura.
3. Applicazione di faccette di ceramica in prossimità della parte scheggiata del dente: procedura utile per mascherare il danno e “ricostruire” il dente scheggiato. Le faccette in ceramica migliorano visibilmente l’estetica del sorriso.
4. Riempimento canalare (otturazione) in caso di scheggiatura o rottura del dente
5. Applicazione di una nuova corona (il dente viene incapsulato)
6. I danni profondi che raggiungono la polpa del dente richiedono un trattamento odontoiatrico più importante. Per evitare l’estrazione, il dente scheggiato e rovinato può essere “salvato” mediante devitalizzazione: si tratta di una procedura che prevede la rimozione della polpa vitale del dente, e la sua successiva sostituzione con amalgame dentarie. Da ultimo, il dente che è stato scheggiato può essere coperto con una capsula.

Potrebbe interesarti

http://www.colgate.it/app/CP/IT/OC/Information/Articles/Oral-and-Dental-Health-Basics/Dental-Emergencies/Dental-Emergencies/article/Injured-Tooth-What-Should-I-Do.cvsp

VIAGGI ORGANIZZATI ITALIA-CROAZIA

Rujan 29th, 2014

VIAGGI ORGANIZZATI ITALIA-CROAZIA

PACHETTO DENTALE A  COSTO ZERO: PRIMA VISITA+PANORAMICA+VIAGGIO GRATIS

Organizziamo viaggi con pulmini settimanalmente – trasferimento dall’Italia verso il nostro centro in Croazia. Il servizio consiste di andata e ritorno in giornata con partenze dai principali caselli autostradali:

ü  Varese (Varese-Milano-Bergamo-Brescia-clinica) – prezzo A/R:  100 eur/persona

ü  Brescia  (Brescia-Verona-Vicenza-Padova-clinica)  – prezzo A/R: 80 eur/perona

ü  San Marino (San Marino-Forli-Bologna-Ferrara-Padova) – prezzo A/R:  80 eur/persona

ü  Torino (Torino-Milano-Bergano-Brescia-clinica) – prezzo A/R: 120 eur/persona

Se dovesse accettare il preventivo (supperiore di 1000 eur) e iniziare con le cure il primo viaggio Le offriamo gratis, altrimenti ci sara’ da pagare la tariffa del viaggio.

Per maggiori informazioni non esiti a contattarci al Numero Verde 800 177 556

http://www.dentisti-croazia.it/cure-dentali.php

PRIMA VISITA A BRESCIA E BOLOGNA

Rujan 22nd, 2014

Vi offriamo la prima visita, la consulenza e il preventivo a Brescia e Bologna. Sono completamente gratuiti e senza impegno!

La visita viene effetuata direttamente dal dott. Jurkovic, il medico chirurgo che vi segue sin dal primo contatto a Brescia/Bologna, durante tutto il percorso della cura presso la nostra clinica in Croazia fino a completamento lavori.

Venite a trovarci a Brescia o a Bologna!

Per maggiori informazioni chiamate Numero Verde 800 177 556.

http://croaziadentisti.com/contatto/

IMPLANTOLOGIA All-On-4

Rujan 14th, 2014

IMPLANTOLOGIA  All-On-4

DENTI FISSI A 3700 EUR PER ARCATA

LAVORO COMPLETATO IN SOLO DUE SEDUTE

SEMPLICE ED ECONOMICA SOLUZIONE PER PERSONE EDENTULE

UN OTTIMA SOLUZIONE PER RIPRISTINARE IL SORRISO E LA MASTICAZIONE

 

I candidati per l’intervento All-on-4 sono persone che hanno superato la quarantina. L’assorbimento dell’osso mandibolare non esclude la possibilità di effettuare l’operazione ALL ON 4 in quanto è necessaria una quantità minima di osso. I pazienti edentuli hanno spesso problemi con protesi instabili, difetti di pronuncia e difficoltà a masticare. Noi abbiamo la risoluzione del vostro problema: All-On 4!

In poche sedute ti restituiamo un meraviglioso sorriso!

Affidati ai nostri specialisti!

Fissa un appuntamento subito, chiama Numero Verde 800 177 556

http://www.dentalimplantsabroad.info/

I cibi che aiutano la salute della bocca

Kolovoz 22nd, 2014

Oltre ad una visita e a controlli odontoiatrici periodici, per salvaguardare la salute della bocca e dei denti è importante fare attenzione anche a cosa si mangia.

Ci sono infatti alimenti che aiutano denti e gengive a restare sani, così come ce ne sono altri che favoriscono l’insorgere di varie patologie del cavo orale.
Fermo restando che una dieta varia e bilanciata è un valido aiuto per la salute dell’intero organismo, ecco di seguito elencati le due macro-categorie in cui i cibi possono essere divisi, secondo l’effetto che hanno su denti e gengive.

Alcuni alimenti favoriscono la salute dei denti, altri la minacciano.

ALIMENTI CHE AIUTANO LA SALUTE DEI DENTI

Mele, carote e sedano

Favoriscono una corretta masticazione, che pulisce “naturalmente” i denti.

Fragole
Grazie all’acido malico in esse contenuto, mangiandole si attiva uno sbiancamento naturale dello smalto.

Tè verde
Contiene fluoro ed elementi antiossidanti, che contrastano l’azione dei batteri nocivi per i nostri denti.

Latticini
Latte, formaggi e yogurt sono un’importante fonte di calcio e contribuiscono alla robustezza dei denti grazie alla presenza di caseina, un fortificante per le superficie dentali.

Gomme da masticare
Se prive di zucchero, le gomme aumentano la salivazione, che aiuta a mantenere i denti puliti.

ALIMENTI CHE OSTACOLANO LA SALUTE DEI DENTI

Aceto
Un eccessivo consumo di aceto rischia di danneggiare lo smalto dei denti.

Agrumi
Sono un’ottima fonte di vitamina C, ma sono caratterizzati da un’elevata acidità, che può avere un effetto abrasivo sullo smalto.

Tè e caffè
Hanno molte proprietà, ma queste due bevande possono ingiallire i denti, a causa dell’azione dei tannini in esse contenuti.

Vino
Oltre che contenere tannini, il vino, come tutte le bevande alcoliche, tende a ridurre la produzione di saliva, contribuendo in questo modo a creare un ambiente orale ideale per la proliferazione degli acidi presenti in bocca.

Succhi di frutta
Contengono molti zuccheri, contribuendo così alla formazione delle carie.

Dolci
I dolciumi, ad altissimo contenuto zuccherino, sono la minaccia più forte alla salute dei denti e l’alleato più stretto delle carie.

Le informazioni contenute in questo articolo hanno solo scopo divulgativo e non sostituiscono in nessun modo il parere di un medico.

 

Detartrasi e igiene professionale

Kolovoz 15th, 2014
Detartrasi e igiene professionale
Perché è importante la pulizia dei denti per togliere il tartaro (detartrasi)?Detartrasi - Rimozione tartaro - Pulizia dei dentiIl tartaro è un deposito di sali che, soprattutto di notte, precipitano dalla saliva e si accumulano nel solco gengivale, se l’igiene quotidiana (spazzolamento dei denti, idropulsore, filo interdentale…) non ha rimosso completamente la placca.
La detartrasi è una manovra di igiene professionale che rimuove il tartaro accumulato nel tempo: è importante farla almeno una volta all’anno e in maniera professionalmente molto accurata da parte di personale esperto, ma a seconda della qualità saliva e della precisione nell’igiene quotidiana può essere necessario ripeterla anche ogni 6 mesi o, nei casi di malattie gengivali importanti, anche ogni 4 mesi.
Le nostre Igieniste, di esperienza ultradecennale, sapranno anche consigliare e verificare le manovre di igiene domiciliare quotidiana piu’ appropriate ad ogni singolo paziente.

Che cosa succede se non si rimuove il tartaro regolarmente?

Il tartaro si accumula nel solco gengivale e irrita le gengive, perché permette ai batteri di annidarsi al suo interno.
Le gengive irritate si separano dal dente e al posto di un solco sottile si crea una tasca profonda, impossibile da pulire con lo spazzolino; le gengive iniziano a sanguinare e a infiammarsi, mentre l’osso inizia lentamente a ritirarsi, scoprendo una parte della radice del dente.

Cosa può succedere se le gengive sono irritate?

Le gengive sanguinano spesso e si può sentire un cattivo gusto in bocca e un alito cattivo soprattutto al mattino e dopo i pasti: infatti il cibo si accumula nelle tasche gengivali e letteralmente “marcisce”, creando un gusto e un odore spiacevoli.
In questa fase della malattia la detartrasi non è più sufficiente e bisogna intervenire con una terapia che uccida i batteri (sterilizzazione della tasca); se non si interviene in tempo le gengive e l’osso si possono ritirare così tanto che il dente può iniziare a muoversi.

Cosa si può fare quando le gengive sono così ritirate da sentire il dente muoversi?

Purtroppo in questo caso la malattia parodontale è giunta a uno stadio molto avanzato: la detartrasi non è più sufficiente. Nei casi in cui la tasca non è troppo profonda e/o larga è possibile recuperare parzialmente la salute delle gengive con la terapia laser che uccide i batteri e stimola le gengive a “attaccarsi” nuovamente al dente.
Se però la tasca è troppo grande, è necessario estrarre il dente, perché la malattia non si estenda anche ai denti vicini; il dente estratto può essere sostituito con un impianto (in certi casi può essere necessario anche ricostruire l’osso che si è ritirato).

….OCCORE COSI’ TANTO TEMPO PER FARE LA PULIZIA DEI DENTI IN STUDIO?

La seduta di detartrasi o igiene orale professionale (pulizia dei denti) ha come scopi, dettati dal rispetto dei protocolli e linee guida universalmente insegnate e conosciute, quelli di:

  • Rimuovere completamente tutta la placca e il tartaro sopra e sotto gengivale intorno a ciascun dente (ultrasuoni).
  • Rifinire e levigare il contorno sopra e sotto gengivale di ogni dente (mediante strumenti a mano = curette) al fine di ottenere una superficie il più possibile liscia (levigatura).
  • Passare la pasta da lucidatura con coppette (polish) intorno a ogni dente per avere una superficie ancora più liscia (per evitare l’adesione della placca) e bianca.
  • Dare al paziente informazioni e istruzioni circa un corretto mantenimento (uso corretto di spazzolino e filo) per ritardare la riformazione di placca e tartaro e prevenire la malattia paradontale (piorrea), provando con l’igenista le tecniche corrette.

ORA DUE CONTI FACILI FACILI

Quanti denti abbiamo in bocca?   

28

Quanto tempo medio occorrerà per ogni dente per eseguire bene tutto quanto sopra esposto? 
A non perdere tempo almeno 3 minuti, in media, con variazioni legate alla produzione e accumulo individuale di tartaro.

Quanto fa 28 (numeri di denti) X 3 minuti?
84 minuti, circa un’ora e trenta.


A questa ora e mezza va aggiunto il tempo per dare le istruzioni, risciacquare, far riposare qualche secondo; ci avviciniamo così intorno  a un’ora e quarantacinque minuti/due ore. A conti fatti, ecco spiegato l’arcano!


Ne deriva anche un’altra conclusione degna di riflessione:

  • Che una detartrasi fatta in tre quarti d’ora ( o peggio in mezz’ora) non può che essere  frettolosa e poco accurata,  fatta tanto per farla, senza rispetto delle linee guida.
  • Che si è dimostrato più dannosa che inutile, perché sul dente ruvido il tartaro si riforma anche più velocemente e la placca batterica aderisce meglio.
  • In questo caso sì sono soldi buttati!

Questo modo di fare detartrasi in fretta a noi sembra inutile, dannoso e poco rispettoso della tutela della salute del paziente, pertanto…a noi non interessa!

Avete bisogno di una corona dentale?

Kolovoz 8th, 2014

Presso le nostre clinice potete trovare corone dentali di buona qualita’ a prezzi accessibili…

Invia un email: info@dentisti-croazia.it

Cos’è una corona dentale o capsula?

La corona – è la parte visibile del dente. Differenziamo due tipi di corone dentali: naturale e artificiale.

La corona dentale naturale è esattamente quello che siamo abituati a vedere nella bocca e che ha il ruolo di svolgere la funzione di base del dente – la lavorazione e la masticazione del cibo. Per questo la corona deve avere massima resistenza e durezza. Però, quando sentiamo la combinazione di parole “corona dentale”, di solito si intende la corona dentale artificiale utilizzata in odontoiatria, di cui parleremo in questo articolo.

La corona dentale artificiale è un manufatto realizzato da diversi materiali, che prende la forma della corona naturale e la sostituisce.

La corona dentale può essere chiamata anche capsula dentale.

Tipi delle corone dentali a seconda del materiale utilizzato

Le corone dentali sono fatte da vari materiali, i pazienti possono scegliere dai seguenti tipi:

  • corone dentali in ceramica (porcellana pura)
  • corone dentali in zirconio
  • corone dentali in metallo-ceramica (lega-ceramica)
  • corone dentali in metallo-resina
  • corone dentali metalliche
  • corone dentali in resina (di solito sono corone provvisorie)

La corona dentale è consigliata nei seguenti casi:

  1. quando i denti sono affetti da carie, sono scheggiati o rotti e  non possono essere ricostruiti con delle otturazioni;
  2. quando i denti sono devitalizzati, perche dopo la devitalizzazione diventano deboli e possono rovinarsi;
  3. quando i denti sono colpiti di alcune malattie che stanno distruggendo lo smalto;
  4. quando dobbiamo riccoprire un impianto.

Il processo di incapsulamento del dente

Prima di procedere con l’incapsulamento, il dente viene preparato. La preparazione del dente include le seguenti tappe:

  • il dente viene devitalizzato, per evitare i dolori che possono avvenire quando il dente è vivo;
  • succesivamente il dente viene levigato della corona naturale, fino a quando si ottiene  lo spessore necessario per l’incapsulamento;
  • si prende l’impronta, il colore e si procede con la preparazione della corona artificiale;
  • in tempo che si realizza la corona definitiva, sul dente già preparato si applica una corona provvisoria;
  • l’ultima tappa sarebbe la cementazione della corona dentaria definitiva.

Il tempo in cui viene preparata la corona dentale può variare da una situazione all’altra. Però, di solito è pronta in 5-7 giorni da quando è stata presa l’impronta.

I vantaggi delle corone dentali

Sebbene che ogni tipo di corona dentaria ha i suoi vantaggi, piu giu sono presentati i vantaggi comuni delle corone dentali:

  1. Riporta il dente nella sua forma originale
  2. Le corone dentali rinfforzano i denti
  3. Miglioramento estetico dei denti
  4. Proteggere i denti compromessi
  5. Un  miglioramento funzionale dei denti
  6. Le corone sono stabili (rispetto le protesi rimovibile)

 

Impianti Dentali

Listopad 2nd, 2012

OFFERTA SPECIALE OTTOBRE/NOVEMBRE:

IMPIANTO A SOLI 395 EUR!

Dental implant - implanted in jaw bone. Isolated on white

IMPIANTO IN TITANIO

Un impianto dentale è una possibile soluzione per sostituire i denti mancanti o gravemente malati. E’ composto da una radice artificiale che assomiglia ad una vite ed sostiene nella sommità, una corona dentale. Il trattamento prevede il posizionamento chirurgico dell’impianto nell’osso, dove è permesso di fondere le ossa in un processo chiamato “osteointegrazione”. Una volta guarito, l’impianto agisce come un’ancora per la sostituzione di un dente artificiale, o corona. La corona è fatta in modo da unirsi con gli altri denti ed è fissata in modo permanente all’impianto.

 

Sei motivi per prendere in considerazione gli impianti dentali anzichè altre soluzioni 

  1. Hanno aspetto, sensazione e funzionalità dei denti naturali
  2. I denti sani non devono essere smerigliati per poter supportare gli impianti dentali
  3. Gli impianti dentali ancorati all’osso della mandibola stimolano il tessuto osseo e le gengive, assicurando un risultato estetico mentre aiutano a mantenere la struttura facciale
  4. Gli impianti dentali non richiedono l’uso di adesivi
  5. Eliminano il disagio e l’insicurezza di dentiere che si spostano o male inserite
  6. Avrete un dente sostitutivo sicuro e permanente

Un team di professionisti al servizio del tuo sorriso

RICHIEDI ORA UN PREVENTIVO PERSONALIZZATO!

TELEFONA O INVIA UNA EMAIL :

CHIAMA ORA! TEL: 348.45.40.140